CONVEGNO “ESPERIENZE DI PEER EDUCATION – CONTENUTI E METODI”

Il 06-03-2018 si è svolto a Gela, organizzato dalla Società Italiana Tossicodipendenze, dall’Azienda Sanitaria Provinciale di Caltanissetta e dal Lions Club di Gela, il Seminario di Studio su “Esperienze di Peer Education. Contenuti e metodi”. L’incontro aveva lo scopo di consentire la realizzazione di una piattaforma di confronto fra operatori sanitari istituzionalmente impegnati nella prevenzione delle tossicodipendenze e le istituzioni scolastiche, ed in questo senso l’I.I.S.S. Archimede di Cammarata era stato invitato a partecipare in quanto sede di una delle poche esperienze di “Peer education” in atto negli Istituti scolastici della regione Sicilia e quindi vera e propria scuola polo di riferimento per l’innovazione pedagogica. La “Peer education” è una strategia che si basa sul presupposto che gli adolescenti accettano comportamenti positivi con maggiore disponibilità dai propri pari piuttosto che dagli adulti, e una volta selezionato un gruppo di loro che si connoti per il possesso di valori positivi insieme alla capacità di porsi come “leader funzionali” del sistema “Classe” o “Istituto”, essa consente di potere essere applicata sia nella lotta al disagio adolescenziale che può evolversi verso dipendenza da alcool e droghe o bullismo che come ausilio prezioso nella attività didattica, soprattutto in presenza di una utenza complessa. L’esperienza dell’I.I.S.S. “Archimede” nasce a seguito di un rapporto di collaborazione fra questa scuola ed operatori sanitari del Servizio Tossicodipendenze di Agrigento (Dott . Antonio Indelicato) e del territorio (Dott.ssa Concetta Giambrone), regolato da uno specifico protocollo di intesa fin dall’a.s. 2014/2015, si è avvalso del supporto di diversi psicologi ed ha visto coinvolti studenti delle classi terze, oggi in uscita. Tante le iniziative portate avanti negli anni dagli studenti del gruppo “Peer”, da indagini sulla diffusione del consumo di alcool e droghe a studi sul fenomeno di bullismo e cyberbullismo che si sono concretizzati oltre che in dati statistici forniti agli enti sanitari territoriali e ai vertici dell’Ufficio scolastico regionale anche nella produzione di diversi video sui fenomeni di disagio indagati. Bravissima la studentessa Chiara Mirti, scelta dai suoi compagni  per esporre storia ed attività del gruppo coinvolto in questa nuova strategia metodologica, attenta ed interessata la platea degli ascoltatori, psicologi e neuropsichiatri che svolgono il proprio lavoro di lotta al disagio giovanile e alle dipendenze all’interno delle scuole (fra gli altri relatori il Dott. Placido La Rosa, Direttore del Servizio Tossicodipendenze di Gela nonché presidente della Società Italiana Tossicodipendenza – sezione Sicilia, il Dott. Giuseppe Lombardo, direttore della Unità Operativa Educazione e Promozione della salute dell’ASP 2 di Caltanissetta, e il Dott. Salvatore Migliore, Coordinatore del Gruppo distrettuale multidisciplinare di Educazione e Promozione della salute). In conclusione del suo intervento la studentessa Chiara Mirti ha illustrato in che modo sta avvenendo il passaggio del testimone dai ragazzi di quinta del gruppo alle nuove terze classi, e questo consentirà di fare acquisire la “Peer Education” come buona pratica quotidiana, fonte di innovazione e serenità didattica e insieme modello esportabile negli altri istituti del secondo ciclo del territorio.

ORDINANZA CHIUSURA SCUOLA DOMANI VENERDÌ 23 FEBBRAIO PER LA SEDE DI CAMMARATA E SAN GIOVANNI GEMINI PER ALLERTA METEO

Notizia in aggiornamento per altri comuni.

Messaggistica istantanea. Se sei tra i tanti che utilizzano l’app Telegram sul proprio smartphone/tablet o computer siamo presenti con un nostro canale dedicato, grazie al quale sarà possibile ricevere le notifiche in tempo reale di tutte le nostre pubblicazioni

Questo il link per seguirci su Telegram https://t.me/IISS_Archimede  

 

TORNEO DELL’ACCOGLIENZANZA

Si è svolto nei giorni 12 e 13 Settembre 2017 presso l’I.I.S.S. Archimede sede di Casteltermini, nell’ambito delle attività di accoglienza agli alunni delle classi prime, il torneo di Tennistavolo riservato appunto agli alunni nuovi arrivati nell’istituto.

Il torneo è stato strutturato in torneo femminile che ha visto la partecipazione delle alunne: Acquisto, Salamone, Caruana, Giambrone, Giglio, Nigliazzo, Termini e Wang. Per il torneo maschile sono stati impegnati: Buono, Capozza, Caruso, Galione, Di Liberto, Droga, Randazzo, Sferlazza, Valenza, D’Angelo, Piazza e Piro.

Nel corso del giorno 12 sono state svolte le fasi eliminatorie, tra le alunne si sono distinte: Acquisto e Termini e per i maschetti: Galione e D’Angelo.

Il giorno 13 si sono svolte le finali, per quella femminile, a seguito l’assenza di Acquisto, è stata ripescata Giambrone. Pertanto la finale rosa è stata: Giambrone vs Termini con i seguenti risultati: 11-7, 9-11, 11-13 decretando l’alunna Maria Termini la vincitrice del torneo Femminile. La finale maschile è stata più equilibrata ed avvincente, con diversi cambi di fronte da entrambi le parti soprattutto nel finale. Gli sfidanti presentavano un buon livello tecnico. I risultati sono stati:  Galione vs D’Angelo 9-11, 13-11, 9-11. Vincitore del torneo maschile D’Angelo Emanuele.

I ragazzi hanno gradito molto l’esperienza del torneo di tennistavolo, si sono divertivi e nello stesso tempo tale esperienza ha favorito l’innesto nella nuova realtà scolastica.

Nel corso della giornata, a conclusione della ricreazione, i vincitori sono stati premiati davanti a tutti gli altri alunni e agli insegnanti presenti nella hall dell’istituto. I vincitori Maria Termini ed Emanuele D’Angelo sono stati premiati dai proff.  Firrera, Tirolo e Barone.

BUON ANNO SCOLASTICO 2017-18

Con l’inizio del nuovo anno scolastico, auguro buon lavoro a tutti gli insegnanti e a tutto il personale che, con ruoli e responsabilità diversi, operano a supporto della formazione degli alunni. Auguro a tutti gli studenti un anno proficuo, in particolare a quelli che affrontano per la prima volta il nuovo percorso di studi.

Un augurio speciale porgo ai genitori, unitamente ad un auspicio di reciproca collaborazione nell’interesse primario dei propri figli, al fine di favorire il ruolo importante della scuola, quale luogo di formazione, di crescita culturale, di vita sociale.

D.S. Antonino Pardi