Grande successo catanese per l’I.P.I.A. “ARCHIMEDE” di Casteltermini

L’I.P.I.A. “Archimede” di Casteltermini si è  ancora  distinta per originalità e creatività . Questa volta   protagonista nell’ambito dell’alternanza scuola-lavoro.

Gli alunni dell’Istituto della  3^ M.A.T. con la “Mech-team JA “e  3^ I.P.I.B. con la produzione  di “Candele Naturali”. hanno partecipato Venerdì 28/04/2017,  alla competizione Regionale di “Impresa in Azione” tenutasi  presso l’Ex Mercato Ortofrutticolo di Catania di via Forcile.

Le classi , nel progetto, sono state spronate,  seguite e curate  dai Proff.: Rosario Calafato, Pietro Vaccaro, Filomena  Padalino e Daniele  Urso e  si sono  contraddistinte ognuno nel loro settore anche tra le 115 imprese provenienti da tutta la Sicilia , perché selezionate tra le prime quaranta Imprese per un’ audizione privata valevole per la selezione della finale.

I prodotti hanno incuriosito ed incentivato la vendita per la loro  singolarità, unicità e peculiarità.

Infatti, Il” MECH-SCHIACCIAOLIVE” è stato creato per semplificare, in ambito familiare, durante il periodo della raccolta delle olive verdi , la   produzione.

Lo strumento, in modo adeguato , consente di  schiacciare le olive  e di conservarle  , anche se hanno diverse dimensioni,  attraverso un semplice sistema di regolazione, poi, di introdurle all’interno dell’attrezzo per poi cadere automaticamente in un contenitore sottostante.

Mentre, le CANDELE NATURALI dalle forme variegate sono state realizzate con tecniche artigianali utilizzando stoppini in filo di cotone e colorate con tinte policrome estratte dai fiori  e materiali che si trovano in natura come la cera di soia ed inoltre sono stati impiegati oli essenziali  dalle particolari fragranze, ottenuti in corrente di vapore con erbe aromatiche, foglie e scorze di frutti tipici della nostra Terra.

fonte Sikelia

 

Istituto Archimede: concluso il progetto PON Studio TV mobile

CAMMARATA – Si sono conclusi all’Istituto Archimede i lavori relativi al Programma Operativo Nazionale “Per la scuola – Competenze e ambienti per l’apprendimento” 2014-2020 che ha visto la realizzazione di uno Studio TV mobile corredato di un totem interattivo.

Nello specifico i lavori sono stati finanziati attraverso Asse II Infrastrutture per l’istruzione – Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) –Obiettivo specifico – 10.8 – “Diffusione della società della conoscenza nel mondo della scuola e della formazione e adozione di approcci didattici innovativi” – Azione 10.8.1 Interventi infrastrutturali per l’innovazione tecnologica, laboratori professionalizzanti e per l’apprendimento delle competenze chiave.

Tutto ciò permetterà ai ragazzi, seguiti dai propri docenti, a cimentarsi nella documentazione video e non solo delle numerose e varie attività curriculari ed extracurrriculari che si realizzano nell’Istituto durante l’anno scolastico, promuovendo così il loro impegno e la voglia “spendersi” in uno spazio alternativo per nuovi apprendimenti.

Cammarata: lunedì la consegna delle borse di studio “Guarda al Futuro”

CAMMARATA – Si svolgerà lunedì 27 Febbraio 2017 alle ore 19.00 nell’ Aula Consiliare del Comune di Cammarata, la cerimonia di consegna della borsa di studio  “Guarda al Futuro” in memoria della dott.ssa Calogera Nugara-Lo Sardo e destinata annualmente per volontà dei familiari, ad uno studente dell’IPIA “Archimede” che ha condotto un brillante quinquennio di studi ed ottenuto un’ottima valutazione all’Esame di Stato.

Lo studente che si è particolarmente distinto nell’anno scolastico 2015-2016,  è Giuseppe La Mendola di Cammarata, che ha frequentato il corso MAT (Manutenzione Assistenza Tecnica), a lui andrà la borsa di studio di 1.500 euro.

A consegnare il premio sarà il Dott. Franco Lo Sardo marito della Dottoressa Calogera Nugara. Sarà presente alla cerimonia il Dirigente Scolastico dell’IPIA, prof. Antonino Pardi, che presenterà lo studente.

Nel corso della manifestazione si esibiranno due giovani musicisti locali Luciana Sacco al pianoforte e Andrea Arcieri all’oboe, che eseguiranno brani di E.Morricone.

Inoltre, come ogni anno, ci sarà una videoconferenza con la  California (USA), dove  Valentina, figlia della Dottoressa Nugara, lavora come ricercatrice presso l’Università di San Diego

Alle ore 18,00 prima della cerimonia di premiazione, nella chiesa Madre verrà celebrata una santa Messa in suffragio.

fonte www.magaze.it

IPIA Archimede di Casteltermini avvia l’impresa ARCHINDELE JA.

img_1174-300x169Gli studenti della classe III dell’Istituto IPIA Archimede di Casteltermini hanno costituito una vera e propria azienda, secondo il modello Junior Achievement Italia.

L’Impresa JA, che gli stessi studenti hanno denominato ARCHINDELE JA , produrrà candele, anche ad uso decorativo, fino alla fine dell’anno scolastico. Le candele sono realizzate con cera di soia OGM-free, per ottenere un prodotto completamente naturale e vegetale. Sono profumate con olio essenziale biologico e realizzate completamente a mano, adoperando anche materiali da riciclo. La cera di soia fonde lentamente, infatti queste candele durano più delle candele in paraffina ed essendo completamente naturali non liberano fumi tossici quando accese.
Casteltermini 02/12/2016. L’Impresa Archindele JA
coinvolge n.° 25 studenti di età compresa tra i 16 e i 18 anni. Gli studenti gestiranno la propria Impresa JA nell’arco di un anno scolastico. Hanno eletto un Consiglio di Amministrazione e individuato tra loro un Amministratore Delegato e altri Manager di Funzione. Attraverso la vendita di azioni a parenti, amici e docenti, hanno raccolto capitale per finanziare la produzione e la commercializzazione del loro prodotto. Alla fine della loro esperienza, liquideranno l’Impresa JA, dividendo gli utili tra tutti gli azionisti e potranno partecipare al Premio Migliore Impresa JA, una competizione
nazionale che premierà la Migliore Impresa di studenti nata tra i banchi di scuola.

img_1175-300x169L’iniziativa è sostenuta da un docente coordinatore, la prof.ssa Filomena Padalino, e da un esperto d’azienda che, con le sue competenze, favorisce il collegamento tra il mondo della Scuola e il mondo dell’Impresa.
Junior Achievement Italia è l’associazione non profit leader per la promozione dell’economia nelle scuole primarie, secondarie di primo grado e superiori. Le iniziative di alfabetizzazione finanziaria ed educazione imprenditoriale – che raggiungono più di 20 mila studenti l’anno – si fondano su una metodologia didattica dinamica ed esperienziale e sono arricchite dalla presenza in aula di un volontario d’azienda che trasferisce il proprio know-how ed esperienza ai giovani. Nata negli Stati Uniti agli inizi del ‘900 e diffusa oggi in 123 Paesi al mondo, Junior Achievement è la più antica e vasta organizzazione non profit per la formazione economico-imprenditoriale nella scuola. La partnership con Junior Achievement si concretizza in un’inedita formula di responsabilità sociale attraverso l’investimento in education. www.jaitalia.org

img_1173-610x250

Ipia Casteltermini a lezione di Nobili Tamburi

15175408_10208016573268259_1407487705_n-300x169Grande soddisfazione ed enorme emozione alla presentazione del corso di formazione “I Tamburi della tradizione” indetto dall’Associazione “I Nobili Tamburi”, tenutasi stamattina nell’atrio dell’Istituto I.P.I.A. di Casteltermini.

A distanza di pochi giorni dalla mostra itinerante “Percorsi del patrimonio industriale in Italia”, l’I.P.I.A. si ritrova ad essere scelta quale location d’eccezione per eventi inerenti Casteltermini e il suo territorio. Il dirigente Antonio Pardi si è detto onorato nel mettere a disposizione i locali dell’Istituto a professionalità così affermate ed apprezzate ovunque, poiché è risaputo che Casteltermini è noto a livello transnazionale anche per i tamburi e i tammurinara. Il corso sarà una sorta di piattaforma informativa per la conservazione del patrimonio culturale, delle tradizioni e soprattutto delle tradizioni musicali locali. E parlando di tradizioni musicali locali il pensiero del dirigente e di tutti gli intervenuti non poteva non andare al nostro caro Maestro Carmelo Licata, scomparso tragicamente giorni fa. Il dott. Pardi ne ha ricordato la smisurata generosità, le pregevoli doti umane, descrivendo il Maestro quale benefattore delle fasce più deboli e ricordando  di quanto Carmelo, ai tempi in cui lavorava all’EAS tra Sutera e Campofranco, si prodigasse attraverso la Caritas per far arrivare generi di prima necessità nelle case delle persone bisognose e di quanto cercasse in tutti i modi di aiutare i giovani con qualche problemino. È poi seguito un minuto di silenzio culminato in uno scrosciante e commosso applauso.

Il presidente dell’Associazione, Angelo Nobile, ha invece descritto la nascita dell’Associazione avvenuta nel febbraio del 2016,  associazione di cui fanno parte il cugino Luca, il fratello Vincenzo ed il prof. Davide Severino, etnomusicologo. Ha inoltre ricordato la figura del nonno, il più famoso Angelo Nobile, scomparso nel 2013, 1° Tamburo di Sicilia e vincitore del Premio Zampogna d’Oro 1985. E con palpabile commozione ha ricordato anche il padre Giuseppe Nobile, anch’egli scomparso anni fa, quale suonatore e soprattutto costruttore di tamburo. Mentre loro, la 7ͣ generazione di Nobile, hanno partecipato a Milano ad Expo 2015 con entrambi i gruppi del Tataratà. Del progetto in questione fanno parte anche “i due Nobile acquisiti”, ossia Luigi Cordaro e Pietro Alfano, collaboratori validissimi ed instancabili, suonatori di tamburo impeccabili, ragazzi che ci mettono davvero l’anima!

15226621_10208016572788247_2049719706_n-300x169Il sindaco, avv. Nuccio Sapia, ha esternato il suo compiacimento soprattutto perché il comune di Casteltermini aderisce a molteplici progetti per i giovani finanziati dalla Regione Sicilia, perché il tema del progetto attiene proprio alla tradizione castelterminese, in quanto parlare di tamburo significa parlare del Tataratà, perché il progetto coinvolge direttamente gli eredi Nobile, perché il nonno è stato il promotore, nel 1974, dell’iniziativa che ha portato alla formazione del gruppo del Tataratà, formato da giovani universitari e di cui agli si pregia di aver fatto parte «pirchì u zì ‘Ngilinu Nobili u tammurinu u faciva parlari!». Inoltre, questo progetto consente di allargare la tradizione ad un pubblico più vasto ed eterogeneo, grazie anche all’interessamento e alla tenacia di Marco Vancardo che ne cura la parte organizzativa.

È poi seguito il video dell’esibizione del nonno Angelo Nobile al Premio Zampogna d’Oro 1985.

Luca Nobile si è fatto carico di presentare, attraverso slide esplicative, i vari moduli e le varie fasi del corso. Visibilmente commosso dal video, ha esordito dicendo che voler imitare il nonno è impresa tanto difficile quanto ardua ed indicandolo come “il Maradona del tamburo siciliano”. Il progetto prevede di tramandare alle generazioni future i saperi e le conoscenze relative alla storia e al mondo del tamburo, oltre alla realizzazione del tamburo stesso, è rivolto a giovani dai 18 ai 36 anni e le iscrizioni si chiuderanno il 30 novembre. Verranno selezionati 30 corsisti e a 10 di essi, durante il corso, verranno impartite lezioni di tecniche esecutive. Al corso potranno inoltre partecipare altri giovani, poiché è prevista la figura dell’uditore. Le lezioni si terranno sia all’I.P.I.A. che nei locali comunali dell’ex pretura. Entrambi gli enti, ha tenuto a precisare Luca, metteranno a disposizione gratuitamente i locali.

Il tamburo è uno degli strumenti più antichi ed è presente in tutte le culture, come non ricordare la figura del banditore col tamburo! Le tecniche per poterlo suonare sono pervenute sino a noi attraverso la trasmissione orale o attraverso il processo d’imitazione. Il corso prevede inoltre vari e validi supporti informatici tali da farci capire come le innovazioni tecnologiche possano tornare utili per le tradizioni senza che queste vengano snaturate. Inoltre Luca ha voluto puntualizzare come, in tempi di crisi come quelli che stiamo vivendo, si possano sfruttare le tradizioni e gli antichi mestieri sia per creare nuove opportunità di lavoro e sia anche per far avvicinare le nuove generazioni al folklore ed alla cultura siciliani, poiché è tuttora in atto una sorta di disaffezione dei giovani per queste nostre belle e antiche usanze. L’Associazione provvederà quindi a stimolare i saperi di giovani e meno giovani tramite incontri periodici con scuole ed associazioni varie, oltre che tramite social quali facebook e twitter (dove sono già attive le pagine). A breve dovrebbe nascere anche una pagina su Internet. Tutte queste piattaforme saranno messe piacevolmente a disposizione dei ceti e dei comitati della Sagra del Tataratà, per promuovere e diffondere i saperi e le tradizioni e per apprezzare e tutelare al meglio il patrimonio culturale castelterminese.

24/11/2016 (Sikelianews)

Cammarata: gli studenti dell’IPIA riparano il sistema elettrico delle campane di S. Domenico

CAMMARATA – L’IPIA Archimede di Cammarata a servizio del territorio, gli studenti della 5° MAT hanno messo a disposizione della comunità cammaratese le competenze apprese in questi ultimi anni all’interno dell’istituto.
I ragazzi hanno messo mano all’impianto elettrico della campana prinicipale della Chiesa di San Domenico ricostruendo con professionalità una bobina elettrica che consente di azionare la campana.
Questo è stato reso possibile grazie ai laboratori dell’Istituto, alle molte attrezzature di cui è dotato, al materiale ed alla professionalità del corpo Docente, che con grande impegno formano gli alunni, che alla fine del ciclo scolastico sono in grado di continuare gli studi universitari o di immettersi nel mondo del lavoro, in un settore che è sempre all’avanguardia.

Il rettore della Chiesa di San Domenico di Cammarata, Don Vincenzo Lombino, ha ringraziato calorosamente l’IPIA “Archimede” di Cammarata, nelle persone del Dirigente Scolastico il Prof. Antonino Pardi, il Prof. Mario Di Grigoli e gli alunni della 5° MAT per avere rimesso in funzione l’impianto campanario.

fonte Magaze.it

Casteltermini, PrimaVerAntimafia: un grande successo all’IPIA!

Grande successo per l’annuale edizione della “PrimaVerAntimafia”, che quest’anno si è svolta  nell’IPIA “Archimede” di Casteltermini. La manifestazione dedicata alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica, delle scuole e dei ragazzi contro la criminalità organizzata ha avuto una grande partecipazione di pubblico che ha riempito l’atrio dell’Istituto, grazie anche agli ospiti di riguardo che erano presenti.

A dare vita alla manifestazione, che ha avuto il format di un talk show, moderato da Marco Vancardo, gli ospiti: il Dott.Giovanni Lo Iacono,Presidente Cooperativa Sociale “Pio La Torre – Libera Terra”, Monica Di Martino, Assessore all’Istruzione del Comune di Casteltermini, ilProf. Mario Mallia, quale rappresentante dell’IPIA, Michelangelo Monica, rappresentante dell’associazione “ASD Soter” di Sutera, Corrado Nitto, noto comico castelterminese, e il Sindaco di CastelterminiAvv. Nuccio Sapia.

Da il via alla manifestazione il giovane Marco Vancardo che ringrazia gli ospiti e il folto pubblico presente. Prende la parola il Sindaco Sapia che, tra l’altro, ringrazia gli insegnanti delle diverse scuole di Casteltermini che hanno sensibilizzato al tema i loro alunni con momenti di riflessione e realizzazione di lavoretti.

Continua il Prof. Mallia che, citando il giudice Caponnetto, puntualizza il fatto che per sconfiggere la mafia ci vuole un esercito di insegnanti e docenti. Fa eco al Sindaco l’Assessore all’Istruzione Monica Di Martino che loda e ringrazia gli insegnanti.

Corrado Nitto, noto musicista e comico locale, nel suo intervento evidenzia come sia importante studiare l’italiano per potersi esprimere al meglio, altresì con orgoglio ci comunica che sarà sul palco a Palermo per commemorare Falcone e Borsellino.

Interessanti gli interventi di Giovanni Lo Iacono,Presidente della Cooperativa Sociale “Pio La Torre– Libera Terra” che gestisce e coltiva terreni confiscati alla mafia, e di Michelangelo Monica, rappresentante della Soter di Sutera, che ha parlato della figura del poliziotto suterese Zucchetto, vigliaccamente ucciso dalla mafia a Palermo la sera del 14 novembre del 1982 durante un appostamento per la cattura di un latitante.

A fare da contorno alla manifestazione dei momenti artistici: balletto delle classi quinte della Scuola Primaria “De Cosmi” con coreografie della piccola Sofia Ardilio; esibizione canora di Gioele Gozzi eSalvatore Scibetta, cantautore agrigentino; coro degli alunni delle classi quinte della Scuola Primaria “Di Giovanni”. Infine il duetto composto da Salvatore Scibetta e Corrado Nitto, che con la canzone “I cento passi”, ha concluso la manifestazione. Apprezzato il lavoro artistico di Ruben Gozzi che durante la manifestazione ha realizzato un dipinto che ritrae Don Pino Puglisi.

Fondamentale è stato l’apporto della Tsap production e dell’UGC, per l’ennesima buona riuscita della PrimaverAntimafia giunta ormai alla VIII edizione.

Da menzionare anche l’IPIA di Casteltermini per la collaborazione prestata alla riuscita del talk-show.

fonte Sikelianews